Slow Food Scandicci

Stiamo lavorando alla versione mobile

©2014-2017   |   P.IVA 05822750484
Ultimo mese Luglio 2017 Prossimo mese
D L M M G V S
week 26 1
week 27 2 3 4 5 6 7 8
week 28 9 10 11 12 13 14 15
week 29 16 17 18 19 20 21 22
week 30 23 24 25 26 27 28 29
week 31 30 31

Bistrot del Mondo
da Bobo all'Acciaiolo

Bistrot del Mondo Slow Food
Osteria Slow Food e primo Circolo della Fondazione Slow Food per la Biodiversità

» seguici su Facebook
» visita il nostro sito

1000 orti in Africa

Viva gli orti!
"Un orto giusto è un’esperienza comunitaria, che riunisce generazioni diverse e contesti sociali diversi; promuove le conoscenze e le competenze degli agricoltori, in modo da migliorare la loro autonomia e la loro autostima; favorisce la sovranità alimentare, dando alle comunità la possibilità di scegliere cosa coltivare e mangiare. Negli orti [...] vengono usate piante tradizionali per fare pesticidi naturali. Un orto pulito rispetta l’ambiente, gestisce in modo sostenibile suolo e acqua, tutela la biodiversità".

La Condotta Slow Food Scandicci grazie alle più svariate iniziative di raccolta fondi è riuscita a dare un bellissimo contributo: 3 orti adottati dalla Condotta e 2 dal Bistrot del Mondo. Gli orti che ci sono stati assegnati sono tutti e 5 in Kenya.

Il progetto

http://www.fondazioneslowfood.it/milleorti

A Terra Madre 2010 Carlo Petrini lancia l'appello ufficiale per realizzare un piccolo grande sogno: realizzare orti in tutte le comunità africane di Terra Madre, mille orti nelle scuole, nei villaggi, nelle periferie delle città africane.
A realizzare il progetto Mille Orti in Africa sono chiamate tutte le condotte in tutto il mondo, persone fisiche, associazioni, ristoratori, realtà del settore pubblico, aziende. E in tanti si attivano per raggiungere entro il 2012 questo obiettivo.
La Condotta Slow Food Scandicci accetta entusiasta la sfida e si muove raccogliendo fondi in svariate maniere: aperitivi, cene, degustazioni, mostre fotografiche, orti in condotta e Slow Food Day.

Il risultato finale è stato a dir poco eccellente: 3 sono stati gli orti adottati dalla Condotta di Scandicci e 2 quelli adottati dal Bistrot del Mondo.
Questi gli orti che ci sono stati assegnati, tutti e 5 in Kenya:

  • Orto comunitario di Kapsongwor (adottato dal Bistrot del Mondo).
  • Orto comunitario di Tarsoi (adottato dal Bistrot del Mondo).
  • Orto comunitario di OVC Gatituri (adottato dalla nostra Condotta).
  • Orto familiare di Chesta (adottato dalla nostra Condotta).
  • Orto familiare di Sikulu (adottato dalla nostra Condotta).

Il grande impegno e i risultati ottenuti ci hanno resi molto orgogliosi e ci hanno anche insignito dello status di Sostenitori Eccellenti e Sostenitori Benemeriti del progetto Slow Food.

A Terra Madre 2012, a Torino, abbiamo incontrato il nostro referente degli orti in Africa, Peter che ci ha spiegato come stanno lavorando sul "campo": "Il progetto degli Orti in africa ha attivato tante sinergie all'interno delle comunità, è servito per creare unione e condivisione tra i contadini e per riavvicinare i giovani all'agricoltura. Per far capire il bene che le loro terre custodiscono e la potenzialità di usare i prodotti locali invece di andare a cercare i prodotti importati dall'estero."
I mille orti stanno funzionando da modelli concreti di agricoltura sostenibile, attenti alle diverse realtà ambientali, socio-economi che e culturali e facilmente replicabili. Il progetto, che prevede la realizzazione di orti scolastici, comunitari, familiari, garantisce prodotti freschi e genuini, valorizza i prodotti locali, salvaguarda le ricette tradizionali, produce trasformati di qualità.
Continua Peter: "Un orto giusto è un'esperienza comunitaria, che riunisce generazioni diverse e contesti sociali diversi; promuove le conoscenze e le competenze degli agricoltori, in modo da migliorare la loro autonomia e la loro autostima; favorisce la sovranità alimentare, dando alle comunità la possibilità di scegliere cosa coltivare e mangiare. Negli orti si usa il sistema del controllo biologico, ovvero vengono usate piante tradizionali per fare pesticidi naturali e prima di dare gli attrezzi ai contadini è stato fatto un corso sull'agricoltura sostenibile. I soldi del progetto sono serviti per le recinzioni (importanti per difendere la coltivazione dagli animali allevati), per le attrezzature e per i semi tradizionali comprati dai contadini o al mercato locale. L'accesso all'acqua dipende da dove è situato l'orto, chi ha l'orto in montagna sfrutta le sorgenti di acqua in loco, gli altri scavano pozzi o si riforniscono da sorgenti e fiumi."
Un orto pulito rispetta l'ambiente, gestisce in modo sostenibile suolo e acqua, tutela la biodiversità A Terra Madre 2012: l'obiettivo dei 1000 orti in Africa è stato raggiunto e stanno lavorando con grande entusiasmo.

Adesso il nostro prossimo obiettivo è realizzare 10.000 orti in Africa, 10.000 comunità del cibo e 10.000 prodotti dell'arca.
Aspettiamo anche te!